SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

The S-Team: la strategia aziendale di Amazon

Il CEO di Amazon Jeff Bezos ha messo in campo un gruppo di dirigenti di alto livello chiamato S-Team, abbreviazione di Senior Team, che comprende 23 dei suoi consiglieri più fidati. Bezos si affida all’S-Team per prendere decisioni strategiche a lungo termine e modellare il business aziendale.

Con il problema pandemia i ritmi di Amazon risultano essere più serrati e con i Senior Teams, Bezos discute la strategia aziendale da intraprendere, attraverso meeting giornalieri. Gli incontri quotidiani coinvolgono per lo più membri dell’ S-Team sul lato retail dell’azienda, come Wilke e Dave Clark, il vicepresidente senior del reparto operations a livello mondiale, nonché il leader del mercato Doug Herrington e la responsabile delle risorse umane Beth Galetti.

S-Team Amazon
Fonte: BusinessInsider

Avevamo già visto in uno scorso articolo come Amazon abbia dovuto fare inversione di marcia, rinunciando ad alcune delle sue strategie core di mercato. Gli stretti ritmi cadenzati a cui Amazon è sottoposto, richiedono un sistema decisionale agile e reattivo. Le decisioni molto spesso devono essere implementate nel giro di giorni oppure addirittura ore. Per questo motivo il team di alti dirigenti scelto da Bezos è formato da membri specializzati in differenti business units. La decentralizzazione delle decisioni permette in questo modo, una più rapida ed agile implementazione delle strategie volte a minimizzare l’impatto del Covid19 sulla supply chain di Amazon.

” Al momento, il mio tempo e le mie energie continuano ad essere focalizzati sul Covid19 e a come Amazon può essere di aiuto nel mezzo della pandemia ” ( Jeff Bezos, CEO Amazon )

Chi sono i membri dell’ S – Team ?

I membri del S-Team messo in piedi da Bezos, sono 23 e sono alti dirigenti appartenenti a differenti divisioni. Vediamo assieme la lista dei 23 executive di Amazon:

  • Jeff Bezos: fondatore e CEO di Amazon
  • Jeff Wilke: chief executive della divisione globale per i consumatori
  • Andy Jassy: CEO di Amazon Web Services (AWS)
  • Dave Limp: vice presidente senior della divisione servici e dispositivi
  • Brian Olsavsky: vice presidente senior e CFO
  • David Zapolsky: vice presidente senior e consigliere generale
  • Beth Galetti: vice presidente senior della divisione risorse umane
  • Jay Carney: vice presidente senior della divisione affari aziendali globali
  • Dave Clark: vice presidente senior del reparto operations a livello mondiale
  • Doug Herrington: vice presidente senior della divisione del mercato Nord Americano
  • Russ Grandinetti: vice presidente senior della divisione del mercato internazionale
  • Charlie Bell: vice presidente senior dei servizi informatici
  • Paul Kotas: vice presidente senior di Amazon Advertising
  • Tom Taylor: vice presidente senior di Alexa
  • Amit Agarwan: vice presidente senior e country manager di Amazon India
  • Peter DeSantis: vice presidente senior dell’infrastruttura globale e dell’assistenza clienti
  • Neil Lindsay: vice presidente di Prime e marketing mondiale
  • Rohit Prasad: vice presidente e capo scienziato dell’ intelligenza artificiale di Alexa
  • Colleen Aubrey: vice presidente della performance advertising
  • Matt Garman: vice presidente delle vendite e del marketing di AWS
  • Christine Beauchamp: presidente di Amazon Fashion
  • Peter Krawiec: vice presidente dello sviluppo aziendale mondiale
  • Mike Hopkins: vice presidente senior di Amazon Studios e Prime Video

Amazon risulta detenere il primato di brand più forte al mondo. Questo suo podio è dovuto agli ingenti investimenti nel settore dell’e-commerce e alla forte diversificazione di mercato. Per questo motivo i ritmi della pandemia richiedono ad Amazon una struttura aziendale “lean” che permetta di focalizzarsi sulle decisioni strategiche chiave in tempi rapidi e processi di implementazione agili.

Jeff Bezos CEO Amazon
Jeff Bezos, Fonte: Business Insider

Le riunioni dell’S-Team che si svolgono ogni giorno sono diverse dalle regolari riunioni normali dell’S-Team. Questi incontri, che si svolgono ancora separatamente dalle chiamate giornaliere, sono più focalizzati sul lungo termine. Esaminano i progetti principali dell’azienda e studiano le modalità di collaborazione dei diversi team. Le riunioni dell’intero S-team si svolgono in media una volta alla settimana, anche se non c’è una cadenza o una durata fissa. Alcuni potrebbero finire in un’ora, mentre quelli più seri potrebbero durare tutto il giorno, rinchiudendo i dirigenti di Amazon nella stessa stanza per ore.

La Strategia Amazon

Il colosso dell’e-commerce è noto per avere una cultura del lavoro unica e forte, guidata da un ritmo cadenzato e da richieste di prestazioni sempre crescenti per i suoi dipendenti. Jeff Bezos descrive la cultura e il sistema di gestione di Amazon come “Day One Thinking”, che consiste nell’iniziare ogni giorno pensando che l’azienda sia una start-up in erba, e i dipendenti devono sfidare i pre-concetti precedentemente posseduti. Jeff Bezos ha spiegato il suo mantra di gestione in una lettera agli azionisti: “Il secondo giorno è la stasi. Seguito dall’irrilevanza. Poi da un atroce e doloroso declino. Ed infine dalla morte. E questo è il motivo per cui è sempre il primo giorno”. Day One è anche il nome della sede principale di Amazon che si trova nel campus della South Lake Union a Seattle.

Nel complesso, Amazon ha creato centinaia di migliaia di posti di lavoro negli ultimi anni. In quattro anni, infatti, Amazon ha più che quadruplicato la sua forza lavoro, passando da circa 150.000 persone nel 2015 a 650.000 persone nel 2019. Amazon ha anche ottenuto un punteggio elevato in termini di creatività dei dipendenti (nel rapporto WSJ), perché non consente presentazioni in PowerPoint.

Normalized Stock Performance of Amazon vs. NASDAQ-100 Index since IPO (in % change)
Performance azionaria normalizzata dell’indice Amazon vs. NASDAQ-100 dall’IPO (in % di variazione) Fonte: Harvard Business Review

Le grandi sfide presenti e future di Amazon

  • Imprescindibile regolamentazione governativa. Big tech (cioè Apple, Facebook e Google) in generale, e Amazon, in particolare, si trova ad affrontare sempre più minacce normative, non solo nell’UE ma ora anche negli Stati Uniti.
  • Continua strategia di diversificazione. Amazon continua a diversificare, sia attraverso l’integrazione verticale che attraverso la diversificazione orizzontale. In primo luogo, Amazon è un rivenditore completamente integrato verticalmente, dall’ordine online alla consegna fisica della merce. In secondo luogo, Amazon crea e distribuisce intrattenimento multimediale.
  • Competizione internazionale. Sebbene Amazon sia forte in alcuni mercati internazionali come la Germania, il colosso continua a lottare nei principali mercati in crescita delle economie emergenti come l’India dove compete contro Flipkart (una startup formata da ex dipendenti Amazon, e acquisita da Walmart) e la Cina dove Amazon non riusciva a competere con Alibaba e altre aziende di e-commerce locali, e quindi è dovuto uscire dal mercato cinese.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Andrea Filippinihttps://managementcue.it
Studente di Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Milano. Specializzando in sistemi di produzione avanzata con particolare attenzione alla produzione FMS (Flexible Manufacturing Systems). Ho sempre avuto forte interesse per la cultura aziendale ponendo l'attenzione sull'ottimizzazione della produzione a la riconfigurazione di processo all'interno della filiera manifatturiera. Lavoro con il team di ManagementCue per produrre articoli formativi e con una visione critica sugli aspetti di gestione e strategia aziendale.