SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

Quando Apple non comprò Tesla

Tesla stava per essere venduta ad Apple: è quanto emerge da un tweet di Musk, che precisa come Cook abbia declinato l'offerta

In un giorno di fine anni 70, l’ing. De Benedetti ebbe un’opportunità più unica che rara: Steve Jobs e Steve Wozniak gli proposero infatti di acquistare il 20% di Apple per la modica cifra di 200 mila dollari. De Benedetti ringraziò per l’offerta ma rifiutò cordialmente. Ecco quanto dichiarato in un’intervista a Mix 24, una trasmissione di Radio24, durante il 2014:

“E’ assolutamente vero, ho conosciuto Steve Jobs e Wozniak, erano lì che smanettavano sulle piastre elettroniche. E’ stato Wozniak e non Steve Jobs a farmi la proposta…Mi chiedeva 200 mila dollari per finanziarli. In cambio del 20% della Apple…Io allora con la Olivetti ero in bancarotta. Però è vero è stato l’errore più grande della mia vita…Se ci ripenso, mi viene voglia di spararmi tutte le mattine mentre mi faccio la barba”

Carlo De Benedetti

Il no di Cook a Tesla

Quattro decenni più tardi, però, la stessa vicenda avvenne a parti invertite: l’attuale amministratore delegato di Apple, Tim Cook, fece le veci di De Benedetti, ed uno degli uomini più ricchi al mondo, Elon Musk, “interpretò” un novello Wozniak. Dal racconto dello stesso uomo di spicco di Tesla, emerge come fossero i giorni più bui per la società appena entrata nell’S&P 500: il crack per bancarotta bussava alla porta un giorno sì e l’altro pure. In questo contesto, con un vero e proprio “inferno produttivo e logistico della Model 3, il magnate africano cercò di vendere la propria creatura al colosso di Cupertino. Di seguito le parole di Musk riportate in un tweet ed il cinguettio stesso:

 “Durante i giorni più neri del programma Model 3, mi misi in contatto con Tim Cook per discutere della possibilità da parte di Apple di acquisire Tesla (per una cifra pari a un decimo del valore attuale) –ndr il prezzo sarebbe stato quindi di circa 60 miliardi di dollari- Cook rifiutò di organizzare un incontro.”

Elon Musk
Tesla Musk Apple

Il tweet appena descritto è giunto a seguito di un’indiscrezione lanciata da Reuters secondo cui Apple sarebbe pronta ed avrebbe l’intenzione di realizzare un proprio veicolo elettrico entro il 2024. “Se è vero, è strano” ha immediatamente cinguettato Musk a proposito del nuovo possibile progetto della casa di Cupertino. Ha aggiunto inoltre come l’iCar (questo l’ipotetico nome) sarebbe basata su di uno sviluppo di una nuova batteria di tipo Lfp la quale, tuttavia, sarebbe già utilizzata da Tesla presso il suo stabilimento di Shangai (data la proprietà della batteria stessa di ridurre i costi ed aumentare l’autonomia del veicolo su cui è inserita). Musk ha poi commentato anche alcune note tecniche presenti nell’articolo di Reuters, mostrandosi dubbioso su di essi affermando che “Una batteria mono-cella di quel genere è impossibile dal punto di vista elettro-chimico…Forse intendono celle unite assieme, come il nostro pacchetto di batterie strutturale?”

Tesla iCar

Il mancato accordo con Google

Il giornalista e scrittore Ashlee Vance, nel libro Elon Musk: Tesla, SpaceX e la sfida per un futuro fantastico, raccontò di una “stretta di mano” tra Musk e Larry Page, cofondatore di Google. Quello con Apple non si tratterebbe, dunque, dell’unico tentativo da parte di Musk di vendere Tesla. Secondo quanto descritto, correva l’anno 2013 e le vendite della Model S erano disastrose, tanto da mettere in crisi l’azienda. Vennero dunque dirottati gran parte di economisti, ingegneri e designers verso il settore buco nero: le vendite.

“Se non riusciamo a piazzare queste macchine, siamo fottuti”.

Fortunatamente, il tentativo ebbe buon esito, e l’accordo con Page venne reso carta straccia.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su businesscue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Alberto Girardellohttps://managementcue.it
Scrivo per la voglia di dire qualcosa