Da diversi giorni ormai si parla del possibile approdo alla Juventus di Cristiano Ronaldo. Inizialmente sembrava si trattasse solo di una suggestione di calciomercato, ma adesso sembra essere una possibilità concreta. Si tratterebbe di uno dei trasferimenti più sorprendenti e importanti nella storia del calcio italiano.

La trattativa

Ronaldo ilsussidiario.net

Come sempre le notizie di calciomercato sono molto difficili da verificare: sia perché si basano su indiscrezioni sia perché le trattative vengono tenute il più possibile segrete dai club coinvolti. Tuttavia l’incontro tra la dirigenza del Real Madrid e l’agente Jeorge Mendes per discutere del futuro di Cristiano, porta speranza ai tifosi bianconeri. Non dovrebbe esserci stato nessun accordo sul rinnovo con i merengues che non hanno messo sul piatto un centesimo in più per trattenere il fuoriclasse portoghese. E sembrerebbe che con un’offerta di circa 100 milioni il real sarebbe pronto a liberarlo. Saranno decisive le prossime ore, quando Marotta potrebbe volare a Madrid per presentare l’offerta della Juve.

I costi dell’operazione “Ronaldo”

Ronaldo internapoli.it

La famiglia Agnelli ha studiato a fondo l’affare e se nei giorni scorsi le chance apparivano piuttosto basse, nelle ultime ore sono decisamente aumentate.I costi dell’operazione sono: circa 100-120 milioni di cartellino per accontentare il Real Madrid, mentre per garantire a Cristiano Ronaldo 30 milioni netti all’anno, bisognerebbe pagarne 60 lordi. In totale, si tratta di un’operazione da circa 95 milioni l’anno, più o meno 400 per i quattro anni di contratto. La Juventus può permettersi un affare del genere?Sicuramente alcune cessioni farebbero comodo alla Juventus, i candidati sembrerebbero essere Higuain e Alex Sandro. Ma si parla anche di un possibile contratto da testimonial global di Ferrari da 20 milioni di euro, che sgravebbero dai conti della società calcistica per pesare, con un po’ di creatività, su quelli del gruppo Fca, azionista di riferimento della Juventus.Intanto queste notizie fanno volare in Borsa il titolo della Juventus, che dal 2 al 6 luglio ha fatto registrare un incremento del 35%. Mentre nella giornata di ieri ha avuto un incremento record dell’11,2%.

Ma la Ferrari ha bisogno di un testimonial?

Ronaldo promiflash.de

Nella sua storia Ferrari non ha mai pagato nessuno e non sembra intenzionata a cominciare con un personaggio planetario come Cristiano Ronaldo. Perché il marchio del Cavallino dovrebbe sborsare per il calciatore lusitano una cifra di sponsorizzazione che vale l’ingaggio di un top driver come ad esempio Daniel Ricciardo? Il pilota australiano si è trovato la porta di Maranello chiusa per una richiesta economica eccessiva. Perché allora la Ferrari dovrebbe spendere una cifra del genere per un personaggio che ha sempre sfoggiato le sue macchine Made in Maranello, facendo pubblicità gratuita alla Ferrari?

I benefici dell’operazione

Ronaldo sport.sky.it

Chiaramente dietro questa possibile operazione non vi è soltanto una ragione sportiva, legata alla vittoria della Champions League,ma anche un piano di business che preveda una crescita economica per la Juventus, che è pur sempre una società con azionisti. Ronaldo è pur sempre il giocatore più famoso e popolare al mondo, uno che nell’ultimo anno ha venduto circa 1 milione di sue magliette e che attrarrebbe migliaia e migliaia di tifosi in più in uno stadio già spesso completamente pieno.Si è ipotizzato che a finanziare l’operazione possa intervenire Exor, cioè la holding di proprietà della famiglia Agnelli che controlla, oltre alla Juventus, anche FCA e Ferrari. Ronaldo potrebbe ricevere dei contratti di sponsorizzazione attraverso Exor, per coprire parte del suo stipendio: una pratica che non è vietata dai regolamenti della UEFA. Pratica che basterebbe soltanto per una parte del suo stipendio, il grosso dovrebbe essere coperto dall’aumento dei ricavi della Juve derivanti dall’approdo del fuoriclasse portoghese a Torino.

E se fosse tutta una finta?

Alcuni hanno ipotizzato che Ronaldo stia solo facendo finta di volersene andare, per guadagnare più potere contrattuale e peso nel Real Madrid; tuttavia con il passare delle ore questo scenario sembra meno probabile.Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi in quello che potrebbe essere un colpo di calciomercato e di business fuori dall’ordinario.