Home » Silicon Valley: Google e Uber passano in parte al lavoro a distanza

Silicon Valley: Google e Uber passano in parte al lavoro a distanza

Molte imprese della Silicon Valley tra cui Google e Uber hanno deciso di passare in parte il lavoro a distanza a fronte di grandi risparmi, ma tuttavia ci sono dei pro e dei contro.

Categorie Logistica

La pandemia ha dato una forte accelerata al passaggio al lavoro a distanza da parte di molte imprese della Silicon Valley, come Google e Uber. Dopo quattro mesi di lavoro da casa durante la pandemia, Reeba Akram ha deciso di cambiare casa. Akram, che lavora per Google, si è trasferita con la sua famiglia da Los Altos, a 15 minuti di auto dalla sede della società. La ragione principale per il trasferimento lontano dalla Silicon Valley, ha detto, era il costo della vita.

Esodo tecnologico, molte imprese della Silicon Valley passano al lavoro a distanza

“Pagavamo tre volte il mutuo della nostra casa che abbiamo qui in Texas, ma avevamo un terzo dello spazio”, ha detto. La sua scelta di dove vivere è ora “la domanda dell’anno”, dice, con la decisione da prendere entro settembre. Infatti Google vuole sapere entro settembre la decisione dei dipendenti per consentire loro di decidere se spostare gli uffici, tornare o rimanere a distanza. Akram fa parte di un considerevole esodo tecnologico dalla San Francisco Bay Area. Le principali aziende della Silicon Valley, tra cui Twitter, Facebook, Google e Apple, sono infatti passate al lavoro a distanza durante la pandemia. Alcuni dipendenti si sono trasferiti in angoli completamente diversi del paese. Invece, la stragrande maggioranza si sono semplicemente trasferiti altrove nello stato o in periferia a poche ore di distanza.

L’industria tecnologica e le sue più grandi aziende stanno emergendo come precursori del lavoro a distanza. Loro sono coloro che hanno aperto la strada a diversi aspetti della moderna cultura dell’ufficio per anni prima di implementare forzatamente un passaggio al lavoro a distanza quando è iniziata la pandemia.

silicon valley lavoro a distanza

Pandemia e Silicon Valley

La pandemia ha messo a nudo quanto del loro lavoro delle aziende della Silicon Valley possa effettivamente essere svolto da remoto. Con più della metà degli adulti statunitensi completamente vaccinati e una riapertura più ampia all’orizzonte, molte di queste aziende stanno cercando di capire quanto lavoro a distanza continueranno a consentire.

Il risultato potrebbe avere un grande impatto sulle aziende della Silicon Valley che hanno speso miliardi nei campus e vantaggi per mantenere i lavoratori al lavoro il più a lungo possibile. In questo aspetto, molte delle grandi città stanno facendo a gara per attirare talenti lontano dal cuore dell’industria tecnologica.

“I nostri [dipendenti] in realtà hanno percezioni molto diverse sul lavoro da casa: alcuni trovano più facili separare la vita lavorativa se sono in ufficio, altre trovano più facili destreggiarsi se è a casa”, Nikki Krishnamurthy, capo di Uber funzionario del personale, continua dicendo che “non credo che abbiamo avuto queste intuizioni se non fosse stato per la pandemia”.

I lavoratori della Silicon Valley nel post-pandemia

Uber ha iniziato a riportare i lavoratori nella sua nuova sede, a Mission Bay, a San Francisco, per la prima volta alla fine di marzo, un trasloco d’ufficio molto pubblicizzato che è stato ritardato dalla pandemia.
Krishnamurthy afferma che l’azienda ha scelto questa strada dopo aver considerato le opzioni per bilanciare produttività, coinvolgimento, lavoro di squadra e flessibilità, pur mantenendo la sua cultura in rapida evoluzione. Un sondaggio tra i dipendenti di Uber nel settembre dello scorso anno ha mostrato che il 75% preferirebbe un modello ibrido in cui entra in ufficio pochi giorni alla settimana.

Facebook afferma che ai dipendenti verrà generalmente chiesto di tornare al loro ufficio attuale, sebbene possano trasferirsi presso altre sedi. “Esiste anche un’opzione per i dipendenti in ruoli idonei per richiedere il lavoro a distanza a lungo termine”, ha aggiunto la società in una nota. “Non vediamo uffici vivaci e un sano lavoro a distanza come un compromesso: crediamo che possano coesistere ed essere unificati da un’esperienza coesa dei dipendenti”.

silicon valley lavoro a distanza

I lavoratori di Twitter potranno svolgere sempre il lavoro a distanza

Twitter ha detto ai dipendenti che possono lavorare da remoto “per sempre” se lo desiderano e il loro ruolo lo consente. Apple, che secondo quanto riferito ha iniziato a riportare i lavoratori già nel maggio dello scorso anno, non ha risposto alle richieste di commento.
I lavoratori di Google in tutto il mondo continueranno a lavorare da remoto fino a settembre, dopodiché potranno scegliere tra tornare nel loro ufficio pre-pandemia, lavorare in un ufficio Google in un’altra città o lavorare permanentemente da qualsiasi luogo se il loro ruolo lo consente. Questo è quanto detto dal CEO Sundar Pichai in una nota ai dipendenti all’inizio di questo mese.

Pichai ha affermato di aspettarsi che il 60% della forza lavoro globale dell’azienda tornerà nei propri uffici pre-pandemia alcuni giorni alla settimana, mentre il 20% si sposterà in un altro ufficio e il restante 20% lavorerà da casa. È una leggera deviazione dal piano precedente di Google in cui tutti i dipendenti sarebbero entrati in ufficio tre giorni alla settimana, in modo simile a quello di Uber.

Gli investimenti fatti prima della pandemia

L’industria tecnologica potrebbe sembrare ben posizionata per il lavoro a distanza a tempo indeterminato, ma ha anche trascorso anni a costruire una cultura di collaborazione e innovazione a cui sarà riluttante a rinunciare, spendendo miliardi incalcolabili in enormi uffici e vantaggi come cibo gratuito, palestre e baccelli per il pisolino che convincono i dipendenti a trascorrere più tempo lì che a casa.
Nicholas Bloom, professore di economia alla Stanford University afferma che un modello ibrido come quello adottato da Uber diventerà probabilmente più una norma.

Nonostante l’esodo, un rapporto di marzo della società di investimento Telstra Ventures ha affermato che il 96,9% delle startup è rimasto nella Bay Area e gli investimenti venture capital sono aumentati del 4% dal 2019. “La Bay Area continuerà ad essere l’epicentro della tecnologia per gli anni a venire”, ha detto Mark Sherman, socio accomandatario di Telstra Ventures.

Silicon Valley e lavoro a distanza, sarà totale prima o poi?

Krishnamurthy ha affermato che Uber ha preso in considerazione tutte le possibili opzioni prima di accontentarsi del suo approccio di tre giorni alla settimana, ma teme un aspetto negativo per le aziende della Silicon Valley, in particolare le startup più piccole, che decidono di allontanarsi completamente.
“Temo che a un certo punto perderanno produttività perché non hanno costruito quelle relazioni”, ha detto. “Se inizi in questo modo, è davvero difficile cambiare cultura … e mi chiedo solo se la pandemia e questi comportamenti che si sono induriti faranno pensare alle persone di poter fare tutto a distanza e poi finire per colpire quel muro di mattoni. “

Con la sua scadenza per decidere che si avvicina, Akram ha una lunga lista di pro e contro. La nuova politica di Google aggiunge ulteriori motivi per cui lei deve tornare in California, dice. Se può stare in una zona più economica, è disposta a guidare un po’ più lontano per raggiungere l’ufficio alcuni giorni alla settimana. “Sono stata davvero molto felice di vedere che stavano ascoltando la richiesta e che erano aperti a cambiare le cose”, ha detto.

Lascia un commento