SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

QS Rankings: università italiane tra le migliori

Dopo numerose notizie scoraggianti dovute alla pandemia Covid19, l’Italia porta qualche buona notizia per le accademie italiane. La classifica più consultata al mondo, Il Qs World University Rankings, ha registrato un balzo in avanti per le nostre università italiane. In particolare gli atenei di Milano, Bologna e Roma hanno registrato significativi balzi in avanti.

Qs World University Rankings: i parametri per scoprire le migliori università al mondo

La Quacquarelli Symonds (QS), secondo quanto riportato da LinkedIn, è stata fondata nel 1990 e si è affermata come fornitore leader mondiale di informazioni e soluzioni specializzate per l’istruzione superiore e le carriere. La Mission principale è quella di permettere alle persone motivate in tutto il mondo di realizzare il loro potenziale, promuovendo la mobilità internazionale, i risultati scolastici e lo sviluppo della carriera. L’azienda raggiunge circa i 490 dipendenti su LinkedIn e ogni anno fornisce informazioni dettagliate riguardo la classifica delle più prestigiose università mondiali.

I ranking internazionali delle università sono classifiche generate annualmente da appositi istituti internazionali, che confrontano le migliori università di tutto il mondo su diversi parametri. La metodologia QS valuta le università secondo sei parametri ben specifici, con rispettivo peso:

  1. Reputazione Accademica (40%): La reputazione accademica si basa sull’opinione di più esperti (un campione di oltre 100000 individui) nello ambito dell’istruzione accademica per quanto riguarda la qualità dell’insegnamento e della ricerca nelle università di tutto il mondo.
  2. Reputazione dei datori di lavoro (10%): la metrica della reputazione del datore di lavoro si basa su quasi 50.000 risposte date da diversi datori di lavoro e chiede ai datori di lavoro di identificare le istituzioni da cui provengono i laureati più competenti, innovativi ed efficaci.
  3. Rapporto docenti/studenti (20%): Essa valuta in che misura le istituzioni sono in grado di fornire agli studenti un accesso significativo ai docenti e ai tutor. Più alto sarà elevato questo rapportò, più elevata sarà quindi la qualità dell’insegnamento proposto.
  4. Citazioni per facoltà (20%): calcoliamo questo parametro prendendo in considerazione il totale numero di citazioni ricevute da tutti i documenti prodotti da un istituto per un periodo di cinque anni.
  5. Docenti internazionali (5%): il parametro lo calcoliamo prendendo il rapporto del numero di docenti internazionale sul totale del corpo docenti presente in una determinata facoltà
  6. Studenti internazionali (5%): possiamo calcolare con il rapporto del numero di studenti internazionali sul totale degli studenti presenti nell’istituto in questione.
Università

Il Balzo in avanti delle università italiane nella classifica mondiale: Milano, Bologna e Roma le migliori tre università

La classifica mondiale di QS, che è dominata dal MIT (Massachusetts Institute of Technology), Stanford University e Harvard; vede un trend positivo e di crescita nelle Università italiane. L’Italia in questo modo si aggiudica il titolo di settimo Paese più rappresentato al mondo in questa edizione e il terzo dell’Unione Europea, dopo il Regno Unito (86) e la Germania (45) e prima di Francia (28) e Spagna (26).

Al vertice delle Università italiane primeggia il Politecnico di Milano (137ma posizione) per il sesto anno consecutivo. Molto bene anche le performance dell’Università di Bologna, che riporta significativi balzi in avanti (sale al 160esimo posto, +17 posizioni rispetto allo scorso anno) e della Sapienza di Roma, che sale di 32 posizioni, raggiungendo il 171esimo posto. Nella 17esima edizione del Qs Rankings, compaiono 36 atenei italiani tra i mille selezionati, di 93 nazioni.

Top 3 Università italiane
Trend di posizionamento delle Università di Milano, Bologna e Roma; adattato da QS World University Rankings

I dati in immagine, mostrano come il trend di crescita delle principali tre università italiane sia positivo. In particolare il Politecnico di Milano ottiene un punteggio migliore nella voce “Employer Reputation”, mentre la Sapienza e l’Alma Mater si distinguono per il punteggio ottenuto nella voce “Academic Reputation”.

Le altre università italiane e l’importanza dei rankings internazionali

Nella classifica italiana le top 10 risultano avere un trend più o meno stabile inserendosi tutte nelle prime 500 Università al mondo. L’Università di Padova ha una crescita in positivo raggiungendo la posizione 216 nel mondo. Nella classifica di quest’anno ci sono anche quattro new entry: l’università Vita-Salute San Raffaele che debutta al 392mo posto, la Libera Università di Bolzano (601-650), l’Università della Calabria e l’Università Politecnica delle Marche (801-1000).

Ciascun istituto di ranking adotta una propria metodologia, che pesa i vari fattori in maniera diversa. Negli ultimi 10 anni la mobilità studentesca è notevolmente aumentata in tutto il mondo. Gli studenti che scelgono di studiare fuori sede, in particolare quelli stranieri, si informano anche usando i ranking internazionali. I ranking sono usati come riferimento anche da docenti e ricercatori, istituzioni ed enti finanziatori, ed influenzano le loro decisioni.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Andrea Filippinihttps://managementcue.it
Studente di Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Milano. Specializzando in sistemi di produzione avanzata con particolare attenzione alla produzione FMS (Flexible Manufacturing Systems). Ho sempre avuto forte interesse per la cultura aziendale ponendo l'attenzione sull'ottimizzazione della produzione a la riconfigurazione di processo all'interno della filiera manifatturiera. Lavoro con il team di ManagementCue per produrre articoli formativi e con una visione critica sugli aspetti di gestione e strategia aziendale.