Home » La NASA cerca aziende per estrarre dal suolo Lunare!

La NASA cerca aziende per estrarre dal suolo Lunare!

Categorie Cultura e Gestione d'Impresa

Nonostante il periodo funesto, l’innovazione “deve” andare avanti. Deve andare avanti la ricerca e la tecnologia. Il settore aerospaziale, negli ultimi anni, ha visto un boom economico dettato dall’entrata nel campo di attori privati che hanno supportato lo sviluppo di tecnologie ad alto tasso innovativo. Ora, la NASA ha assegnato contratti a quattro società private per raccogliere risorse spaziali e trasferire la proprietà all’agenzia.

La nasa sulla luna
La Nasa sulla Luna. Fonte: aliveuniverse.today

La NASA e le compagnie minerarie

Inizia una nuova era. I contratti segnano la prima transazione commerciale in assoluto relativa alla raccolta di risorse lunari. Sono stati firmati dalle parti interessati nella giornata di giovedì scorso. L’evento ha una risonanza importante anche perché è il primo contratto firmato per il procacciamento di risorse spaziali che avrà luogo oltre la Terra.

Sono stabiliti anche dei prezzi relativi alle dimensioni e al peso del materiale estratto. I prezzi per la regolite lunare andranno da 1 dollaro (€ 0,82) a 15.000 dollari (€ 12.327): i contratti sono principalmente destinati a stabilire un precedente legale per lo sfruttamento delle risorse extraterrestri da parte del settore privato in futuro.

Il capo del programma NASA, Phil McAlister, giustamente “È abbastanza straordinario che possiamo acquistare la regolite lunare (materiale che copre il fondamento roccioso di un pianeta)”.

Una delle domande più facili da porsi è, come verrà gestito il lavoro e cosa verrà raccolto? In effetti, non verranno raccolti solo i materiali richiesti, ma anche una serie di informazioni molto importanti su tanti fronti. Basti pensare al prossimo futuro, e alla possibile costruzione di una base lunare. In ogni caso, le compagnie raccoglieranno una piccola quantità di regolite lunare da qualsiasi luogo sulla Luna. Forniranno quindi immagini della raccolta alla NASA, nonché il materiale e i dati che identificano il luogo dell’operazione.

Alla fine del lavoro, il materiale raccolto passerà sotto la proprietà della NASA, diventando di sua esclusiva proprietà per l’uso dell’agenzia nell’ambito del programma Artemis.

Quali sono le società interessate? Le società che si sono aggiudicate i contratti sono Lunar Outpost (contratto da $ 1), ispace Japan e ispace Europe ($ 5.000 ciascuna) e Masten Space Systems ($ 15.000).

Quali le missioni per portare i lander sul satellite terrestre? I robot di raccolta delle società viaggeranno in missioni di atterraggio sulla luna già pianificate, finanziate da entità diverse dalla NASA, che atterreranno nel 2022 e 2023.

Nuova fase di esplorazione spaziale, è questo il target made in NASA. Coinvolgendo chi? Proprio le società private. L’agenzia determinerà i metodi di recupero per la regolite lunare trasferita in un secondo momento. Il settore privato sta partecipando per trovare minerali e altre risorse, come l’acqua, e per esplorare le possibilità di vivere e produrre carburante al di fuori della Terra, il tutto protetto legalmente.

Riteniamo che sia molto importante stabilire il precedente che le entità del settore privato possono estrarre, possono prendere queste risorse ma la NASA può acquistarle e utilizzarle per alimentare non solo le attività della NASA ma un’intera nuova era dinamica di sviluppo ed esplorazione pubblica e privata sul satellite“, ha detto Mike Gold, responsabile delle relazioni internazionali alla NASA. “Sfruttare il coinvolgimento commerciale migliora la nostra capacità di tornare in sicurezza sulla Luna in modo sostenibile, innovativo e conveniente”, ha aggiunto McAlister. “Una politica di sostegno per il recupero e l’uso delle risorse spaziali fornisce un ambiente di investimento stabile e prevedibile per gli innovatori e gli imprenditori dello spazio commerciale”.

Gli Stati Uniti hanno affermato, in quelli che hanno soprannominato gli accordi di Artemis, che si riservano il diritto di creare “zone sicure” per proteggere le attività su un corpo celeste. Artemis è il programma con cui il Paese prevede di tornare sulla Luna con due astronauti nel 2024.

Mike Gold ha assicurato che queste nuove attività sarebbero state svolte “in conformità con il trattato spaziale”, aggiungendo: “è importante che l’America sia un leader non solo tecnologicamente, ma anche politicamente”.

Lascia un commento