SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

Mirko Scarcella smascherato da Le Iene: “Compra followers”

Introduzione

Il noto esperto di social media, nonché guru di Instagram, Mirko Scarcella, è stato pizzicato in flagrante dalle Iene. L’accusa è quella che non vanti specifiche competenze in marketing/pianificazione strategica, di non avere le conoscenze adeguate per fornire consulenza in un settore che movimenta miliardi di dollari all’anno, bensì egli compra semplicemente i follower di coloro i quali si rivolgono a lui per incrementare la visibilità della propria immagine/brand.

Chi è Mirko Scarcella

Scarcella è noto nell’ambiente degli Influencers essendo riuscito a creare fenomeni del web (e delle views) come Gianluca Vacchi e altre star d’oltreoceano. Proprio negli Usa, e precisamente a Miami, l’italiano di origini meridionali ha stabilito il luogo principale della propria società, la Lion Holding. Questa fattura milioni di dollari l’anno ed è composta da un team rampante ed affamato, il quale sfrutta, a detta di Scarcella, un algoritmo che gli consente di sfruttare al meglio la visibilità dei post (e quindi incrementare le views ed i follower), specie su Instagram. Autore del bestseller Instasecrets (prefazione di Feltri) e di videocorsi, egli si definisce, infatti, come il personaggio più importante e capace al mondo in termini di gestione social media ed il suo motto è sempre stato -citando Confucio-:

“Fai quello che ami e non lavorerai un giorno nella tua vita”

Il servizio incriminato

A seguito di un servizio de “Le Iene” a firma Gaston Zama, sì è tuttavia scoperto che questo fantomatico algoritmo non esiste: due clienti (l’avvocato Gianni Mendes e l’artista Simone D’Auria) del social media manager, infatti, intervistati nel corso della messa in onda, hanno affermato di essersi rivolti a lui a seguito del grande risalto datogli dalla stampa italiana e di aver in seguito constatato come i loro followers acquisiti dall’azione di Scarcella provenissero principalmente da Asia e America Latina: sono quindi state investite cifre rilevanti di denaro (fino a 50 mila euro al mese per assistito) per acquisire centinaia di migliaia di followers bot provenienti in zone del tutto estranee a quelle di interesse dei due clienti. Non solo, Zama ha poi smascherato diversi video e post auto-promozionali di Scarcella stesso pubblicati online come reali ed autentici, tra cui un’intervista alla principale tv araba mai andata in onda, e l’accordo raggiunto con l’università di Boston (Harvard) mai postato a termine.

L’inviato della testata di Italia 1 ha anche cercato di appurare se la sede legale dell’azienda di Scarcella fosse alle Canarie, senza tuttavia ottenere risultati.

La risposta di Scarcella

Al termine del servizio, non si è fatta attendere la replica del diretto interessato. Attraverso una Instagram story, strumento tanto caro al manager:

“Ho appena finito di vedere il servizio de Le Iene. Chiederò il diritto di replica per tutte le buffonate che sono state dette così vedremo chi è il vero ciarlatano, enjoy

Le parole del guru dei social di origini calabresi. Siamo certi che la diatriba continuerà senza soluzione di continuità: è di fondamentale importanza, infatti, per il manager italiano, smentire con prove autorevoli tutte le affermazioni compromettenti la sua attività imprenditoriale, che si basa principalmente sul sentiment popolare.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Alberto Girardellohttps://managementcue.it
Scrivo per la voglia di dire qualcosa