Il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, nel suo tradizionale discorso di inizio anno in cui delinea le priorità del prossimo futuro, ha parlato delle nuove sfide che il suo social network dovrà affrontare nel corso del 2018. L’intenzione è quella di “correggere” le criticità del suo social network. Criticità che potranno essere corrette ricorrendo all’uso della tecnologia alla base delle criptovalute, la Blockchain. E proprio a proposito di Blockchain che nel suo discorso ha parlato del problema della centralizzazione e decentralizzazione della tecnologia.

Proprio il riferimento alle criptovalute ha fatto pensare al possibile interesse nel lanciare una croptovaluta targata Facebook. I portavoce dell’azienda non hanno tuttavia né confermato né smentito.

Le parole di Zuckerberg

Zuckerberg
fm.cnbc.com

Ma perché Zuckerberg è così interessato alle valute digitali e alla Blockchain? Nel suo discorso ha parlato della perdita di fiducia e di credibilità che la tecnologia ha subito negli ultimi anni, proprio per questo sta studiando i sistemi decentralizzati delle criptovalute e quindi della tecnologia Blockchain. il suo obiettivo è quello di ridare potere alle persone. Queste le sue parole:

“Uno dei temi più importanti che interessano oggi la tecnologia è la questione centralizzazione contro decentralizzazione. Molti di noi hanno abbracciato la tecnologia credendo che avrebbe dato più potere alle persone. Negli anni Novanta e Duemila, molti credevano che la tecnologia sarebbe stata una forza decentralizzata, quindi non soggetta al controllo di un’autorità centrale, come governi, o istituzioni sovranazionali. Ma oggi molte persone hanno perso questa fiducia”.

Zuckerberg continua poi dicendo che:

“Con la crescita di un piccolo numero di grandi compagnie tecnologiche, e dei governi che sfruttano la tecnologia per spiare i cittadini, molte persone credono che la tecnologia sia solo in grado di centralizzare il potere anziché distribuirlo”

Il fondatore di Facebook crede da molto tempo che la missione della sua azienda sia quella di connettere il mondo, e la tecnologia Blockchain se utilizzata correttamente, potrebbe dare a Facebook una piattaforma per battere censori in tutto il mondo.

Secondo molti però questo non è il solo scopo di Zuckerberg. Lanciare una propria valuta digitale potrebbe dare a Facebook un modo per recuperare il ritardo nel pagamento tech soprattutto rispetto ai colossi cinesi (Alibaba e WeChat). Ad oggi queste aziende fanno buona parte dei loro ricavi dal mobile payment, sfruttando anche le criptovalute. Strategia che a detta di molti analisti potrebbe avere successo.

Si tratterà di una studiata e attenta mossa di mercato o dell’ennesimo tentativo di cavalcare l’onda delle criptovalute?