Home » Leonardo Del Vecchio, Luxottica dice addio al suo fondatore

Leonardo Del Vecchio, Luxottica dice addio al suo fondatore

Ci ha lasciato Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica. Uno dei self made man italiani per eccellenza con un patrimonio di ben 21,8 miliardi di euro.

Categorie Attualità · Eventi · Produzione
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Oggi, 27 giugno 2022, ci ha lasciato uno dei più grandi imprenditori italiani, Leonardo Del Vecchio fondatore del colosso Luxottica.

Leonardo del Vecchio, chi è

Un mattone dopo l’altro si può costruire qualsiasi grattacielo.

È così che la pensava Leonardo Del Vecchio, classe 1935. Milanese di nascita ma di origini pugliesi, è considerato uno degli uomini più ricchi d’Italia, con il suo patrimonio da ben 24,2 miliardi di dollari ossia 21,8 miliardi di euro. Nato da genitori emigrati dalla Puglia, da piccolo ha vissuto nell’orfanotrofio di Marinitt dopo la prematura perdita del padre. “Esperienza che ti segna!” ha raccontato lui stesso in una intervista di qualche tempo fa. Inizia a lavorare molto giovane. Infatti, a 15 è garzone alla Jonhson, fabbrica di medaglie e coppe. È grazie ai proprietari di questa fabbrica che decide di iscriversi ai corsi serali all’Accademia di Brera per studiare incisione e design. A 22 anni si trasferisce in un paese del Trentino per lavorare come operaio in una fabbrica di incisioni metalliche. Da lì si trasferisce nel Bellunese dove apre la sua prima botteguccia nel 1961 di montature per occhiali. Botteguccia che poi diventerà la tanto rinomata Luxottica. Negli anni ’80 entra nel mercato americano, grazie anche all’acquisizione di altri marchi come Ray Ban, Oakley e Persol. Il resto è storia!

Leonardo Del Vecchio

Del Vecchio, Luxottica come nasce

Dopo anni di continua crescita, Del Vecchio ottiene un prestito da Credito Italiano acquisendo il brand americano di occhiali “Avantgarde” entrando così nel mercato statunitense. Prestito che, tra l’altro, riesce a restituire dopo solo un anno!

Nello stesso periodo apre quattro negozi. Nel 1990 si quota alla Borsa di New York divenendo, cinque anni dopo, il maggior marchio di prodotti ottici nel mercato mondiale. Nel 2000 si quota sulla Borsa di Milano, iniziando ad acquisire altri marchi quali Vogue, Persol e i famosissimi Ray Ban.

Leonardo Del Vecchio

Luxottica oggi

Nel 1988 incomincia a collaborare con un altro grande della moda italiana, Giorgio Armani iniziando a lavorare con brand del lusso quali Chanel, Prada e Valentino. Luxottica, oggi, ha fama internazionale infatti è conosciuta in tutto mondo. Basti pensare che la sua rete di negozi copre oltre 150 paesi e include rivenditori quali, il più diffuso in Italia, Salmoiraghi&Viganò. Possiede ben l’80% del mercato del fashion!

Dal 4 dicembre 2018 Luxottica non fa più parte del FITSE MIB, infatti, si è fusa con la francese Essilor. Questa fusione è valsa 50 milioni di euro!

Leonardo Del Vecchio

Ascesa niente male quella del Cavalier Leonardo Del Vecchio, se si pensa che il tutto è nato da una piccola bottega nel bellunese! Leonardo del Vecchio è quello che gli inglesi definirebbero self made man ossia è un uomo che, rimboccandosi le mani, si è fatto da solo mettendo su un impero che sembra quasi voler monopolizzare il mercato dell’occhialeria. È un pochino quello che nel Rinascimento era l’homo faber fortunae suae! Beh, si, questa è una definizione un pochino inflazionata negli ultimi tempi! Ovunque ti giri sembra che ci sia qualcuno che ha messo su, dal nulla, un impero tutto suo. Ma non è sempre tutto oro ciò che luccica e lo cantava anche David Bowie “We can be heros, just one day!”.

D’altronde Del Vecchio lo ha sempre detto:

Un mattone dopo l’altro si può costruire qualsiasi grattacielo.

E lui, con la sua Luxottica, c’è riuscito alla grande contribuendo anche a diffondere il made in Italy in tutto il mondo e noi non possiamo fare altro che dirgli un grande “Grazie!”.

Lascia un commento