Home » FCA investe 4,5 miliardi negli USA e crea 6500 posti di lavoro

FCA investe 4,5 miliardi negli USA e crea 6500 posti di lavoro

Categorie Business · Economia · Produzione · Strategia aziendale
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Per la prima volta da 28 anni a questa parte, nella zona di Detroit verrà realizzato un nuovo impianto di produzione automobilistica, e verranno ammodernati e ampliati anche altri cinque stabilimenti nello stato del Michigan. A decidere l’importante iniziativa è stato il gruppo FCA. Il tutto per un investimento complessivo di 4,5 miliardi. Stando alle notizie provenienti dagli Usa, l’operazione più rilevante è il recupero di un sito produttivo nell’area di Detroit, chiamato Mack Avenue Engine, che da sei anni è inutilizzato.

Lo stabilimento recuperato sarà utilizzato per la linea produttiva della Jeep Grand Cherokee di prossima generazione e un nuovo Suv Jeep full-size. Nello stabilimento di Jefferson North invece, Fca investirà 900 milioni per ristrutturare l’impianto, continuerà la produzione di Dodge Durango e la prossima generazione di Jeep Grand Cherokee. Nello stabilimento di Warren Truck verranno prodotte le nuove Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer, e si continuerà ad assemblare il Ram 1500 Classic.

Qual è l’obiettivo?

Spingere la produzione di Jeep e Ram, e in particolar modo i modelli elettrificati.

Come dichiarato da Mike Manley “l’offensiva Jeep si concretizza con importanti opportunità di crescita e con nuovi prodotti elettrificati, inclusi almeno quattro veicoli ibridi plug-in. Grazie a questi nuovi sforzi economici abbiamo ora la flessibilità necessaria per produrre anche veicoli completamente elettrici“.

La costruzione del nuovo stabilimento a Detroit inizierà entro la fine del secondo trimestre 2019, con la produzione dei primi veicoli a tre file prevista entro la fine del 2020, seguita dalla nuova Grand Cherokee nel primo semestre del 2021” si legge nella nota pubblicata da FCA.

Nel complesso, la multinazionale stima di creare quasi 6.500 posti di lavoro. Un impegno che ha ricevuto il plauso di Donald Trump: il presidente degli Stati Uniti ha pubblicato un tweet per ringraziare pubblicamente la società.

La società ha spiegato in una nota come il piano di investimenti confermato risalga alla strategia inaugurata nel 2016 e mirata, negli Stati Uniti, a spostare la produzione verso i SUV e i pickup, che hanno intercettato la maggior crescita della domanda. Di contro, è cessata la produzione di vetture compatte.

Buone notizie intanto anche per l’Italia, arriva infatti la notizia il nuovo C-Suv Alfa Romeo sarà prodotto nella fabbrica di Pomigliano, e che da Maggio partirà l’investimento realizzando i primi interventi nei reparti di verniciatura e lastratura.

Lascia un commento