SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

COVID-19: Conte e Ministri indagati, le accuse e la risposta

Giuseppe Conte e altri sei Ministri sono sotto indagine per la gestione della pandemia da COVID-19, accuse e risposta di Palazzo Chigi e del Premier.

Sono arrivati poche ore fa gli avvisi di garanzia al Presidente del Consiglio in carica, Giuseppe Conte, e a sei ministri del suo Governo: Alfonso Bonafede, Luigi Di Maio, Roberto Gualtieri, Lorenzo Guerini, Luciana Lamorgese e Roberto Speranza. Il motivo dell’indagine fanno riferimento alla gestione della pandemia da COVID-19, ma subito si è detto che si tratta di “un atto dovuto”.

Approfondiamo la questione insieme, nei paragrafi seguenti dell’articolo. Prima di proseguire, ci teniamo a sottolineare che Close-up Engineering non prende posizione sulla questione, né l’autore dell’articolo, ma si limita a riportare la notizia.

Le Accuse | Gestione Pandemia COVID-19

L’indagine da parte della Procura della Repubblica di Roma nasce da una serie di denunce, arrivate da varie parti d’Italia, con l’intento di mettere in evidenza la presunta “malagestione” della pandemia da parte del Governo italiano. Delle denunce non si conoscono (per ora) i dettagli, ma si sa che gli articoli del Codice Penale chiamati in causa sono:

  • Pena in concorso – Articolo 110;
  • Epidemia – Articolo 438;
  • Delitti colposi contro la salute pubblica – Articolo 452;
  • Omicidio colposo – Articolo 589;
  • Abuso d’ufficio – Articolo 323;
  • Attentato contro la Costituzione – Articolo 283;
  • Attentati contro i diritti politici del cittadino – Articolo 294.

Le denunce sono state fatte durante il periodo di lockdown del Paese, sono state inviate al Tribunale dei Ministri nelle scorse settimane e nella giornata di oggi (13 agosto) sono arrivati gli avvisi di garanzia agli interessati.

Le denunce e, di conseguenza, le accuse arrivano per due macro-motivi differenti. Il primo riguarda il “non aver fatto abbastanza” per la lotta al COVID-19; il secondo si riferisce al fatto che il “lockdown” non fosse la misura adeguata per la situazione vissuta, considerata (da chi accusa) troppo esagerata.

La risposta di Palazzo Chigi e Giuseppe Conte

Subito dopo l’arrivo degli avvisi di garanzia, Palazzo Chigi ha emanato una nota in cui si legge:

La trasmissione da parte della Procura al Collegio, in base alle previsioni di legge, è un atto dovuto. Nel caso specifico tale trasmissione è stata accompagnata da una relazione nella quale l’Ufficio della Procura “ritiene le notizie di reato infondate e dunque da archiviare”.

Conte e i ministri si dichiarano sin d’ora disponibili a fornire ai magistrati ogni elemento utile a completare l’iter procedimentale, in uno spirito di massima collaborazione.

Inoltre, pochi minuti fa è arrivata la risposta del Presidente Giuseppe Conte, pubblicata sulla sua pagina Facebook ufficiale tramite un post che riportiamo qui di seguito.

Nei mesi scorsi alcuni cittadini, avvocati, finanche un’associazione dei consumatori hanno dichiarato pubblicamente di…

Pubblicato da Giuseppe Conte su Giovedì 13 agosto 2020

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Angelo Falconehttps://managementcue.it
Studente di Ingegneria Gestionale affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili.