SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

Chitarra di Kurt Cobain all’asta per 6 milioni di dollari: la più costosa della storia

La chitarra di Kurt Cobain, leader dei Nirvana, è stata venduta all’asta per 6 milioni di dollari. Il fortunato e facoltoso acquirente è un imprenditore australiano. La chitarra sarà protagonista di una mostra itinerante il cui ricavato servirà a sostenere artisti in giro per il mondo…

Una chitarra di Kurt Cobain, frontman dei Nirvana, è stata venduta a un’asta a Beverly Hills per 6 milioni di dollari. Tutti gli appassionati di musica prima o poi si saranno chiesti quale fosse la chitarra più costosa al mondo. Adesso la risposta è: una Martin D-18E del 1959, passata alla storia per essere stata la chitarra suonata da Kurt Cobain nell’MTV Unplugged dei Nirvana del 1993.

L’asta e l’acquirente

Qualche mese fa la casa d’aste Julien’s Auctions aveva già venduto il cardigan indossato da Kurt Cobain nell’MTV Unplugged del 1993 per 334.000 dollari. La chitarra suonata da Kurt Cobain nello stesso concerto è stata venduta dalla Julien’s Auctions in un’asta a Beverly Hills (Los Angeles) il 21 giugno 2020. Partendo da un’offerta iniziale pari a 1 milione di dollari, l’asta si è conclusa con un prezzo di aggiudicazione di 6,01 milioni di dollari, disintegrando i pronostici che stimavano la cifra per l’aggiudicazione attorno agli 1,5 milioni di dollari. L’acquirente è un imprenditore australiano, Peter Freedman, proprietario della Rode Microphones, azienda produttrice di microfoni, accessori e software per l’acquisizione audio. Secondo quanto dichiarato dallo stesso Freedman, la chitarra sarà protagonista di una mostra itinerante il cui ricavato andrà a supportare musicisti in giro per il mondo. Successivamente la chitarra sarà rivenduta e il ricavato sarà destinato allo stesso scopo. Freedman, la cui famiglia aprì un negozio di elettronica a Sidney nel 1967, racconta che la sua famiglia è stata sostenuta da musicisti e artisti fin dagli anni ’60 e che lui, avendo avuto fortuna con la Rode Microphones, adesso è in grado di restituire un po’ di quei soldi.

La chitarra

La chitarra acustica elettrificata, appartenuta a Kurt Cobain, è una Martin D-18E del 1959, prodotta in soli 302 esemplari, ed era stata suonata nel celeberrimo live dei Nirvana “MTV Unplagged in New York”, divenuto poi album postumo. Il concerto acustico, del novembre del 1993, è stato uno degli ultimi concerti dell’artista, morto 5 mesi dopo a soli 27 anni e divenuto leggenda. Insieme alla chitarra sono stati venduti tre plettri, un set di corde incompleto e la custodia dello strumento, a cui lo stesso Cobain aveva incollato un adesivo dell’Alaska Airlines e un flyer dell’album “Feel The Darkness” del gruppo punk rock “Poison Idea” del 1990. La chitarra era stata oggetto di contesa legale tra la vedova di Cobain, la cantautrice Courtney Love, e l’ex marito della figlia del musicista, Isaiah Silva. Il tribunale aveva dato ragione a Silva, il quale sosteneva che la chitarra gli fosse stata regalata dell’ex moglie e che fosse in suo possesso al momento della firma del divorzio.

Credits: euronews.com

La chitarra più costosa del mondo: nuovo record

In periodo storico in cui i trend di vendita delle chitarre sono in drastico calo e in cui colossi come Gibson e Fender sono stati costretti ad adottare nuove strategie per adeguarsi al mercato, l’asta per la chitarra di Kurt Cobain stabilisce un nuovo record per il prezzo più alto mai pagato per una chitarra.

La “Black Strat” di David Gilmour

Il record finora era appartenuto a una Fender Stratocaster di David Gilmour (Pink Floyd): la “Black strat” era stata venduta per 3.975.000 dollari in un’asta di beneficenza tenutasi a New York nel 2019. In quell’occasione in una singola asta erano state vendute 126 chitarre di Gilmour: incasso totale di oltre 21 milioni di dollari, devoluto interamente a un ente che si occupa della lotta ai cambiamenti climatici.

La “Reach Out To Asia”

Prima della “Black Strat”, la chitarra più costosa al mondo era stata la Fender “Reach Out To Asia” Stratocaster, venduta all’asta a 2,7 milioni di dollari. Il costo di produzione della “Reach Out To Asia” è stato tra i 15.000 e i 25.000 dollari, ma la chitarra è stata autografata, tra gli altri, da Eric Clapton, Jimmy Page (Led Zeppelin), Mick Jagger (Rolling Stones) e David Gilmour (Pink Floyd). Il ricavato della vendita è stato devoluto ad organizzazioni umanitarie che hanno aiutato le popolazioni colpite dallo tsunami dell’Oceano Indiano nel 2004

Credits: pinterest.co.uk

Le altre

Nell’olimpo delle chitarre più costose della storia troviamo anche: una Gibson Les Paul Standard di Keith Richard (Rolling Stones) del 1959, venduta per circa 1 milione di dollari; “Blackie”, la Fender Stratocaster di Eric Clapton, venduta per 959.000 dollari; una Fender Stratocaster di Bob Dylan (965,000 dollari) e una Stratocaster di Jimi Hendrix (1.300.000 dollari).

Kurt Cobain, i Nirvana, il grunge

Kurt Cobain, insieme ai suoi Nirvana, è stato uno dei padri del grunge, un genere musicale molto eterogeneo, ascrivibile all’altenative rock, nato a Seattle nella fine degli anni ’80 e che nelle sue varie correnti risente di influenze che passano per il rock tradizionale, il rock psichedelico, il punk, il noise, l’hard rock e l’heavy metal. Il gruppo, formatosi nel 1987, raggiunge la fama negli anni ’90, con il secondo album in studio, “Never Mind” del 1991. Con 3 album in studio, 5 album dal vivo (tutti postumi) e varie raccolte ed EP, la band ha venduto in totale oltre 75 milioni di dischi. Il gruppo è stato in attività poco più di 5 anni a causa della tragica morte del frontman e fondatore Kurt Cobain a soli 27 anni, avvenuta nel 1994 a causa di un colpo di fucile. Nonostante le verità giudiziarie, per i fan la tragica vicenda rimane ancora avvolta da una coltre di mistero e sospetti. Sebbene alcuni siano restii a collocare Cobain nel “Club dei 27” – la schiera di stelle del rock morte prematuramente a 27 anni, tra cui Jim Morrison, Jimi Hendrix e Janis Joplin – Kurt Cobain resta a pieno titolo nell’olimpo delle leggende del rock e l’asta del 21 giugno ne è la prova.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Antonio Donadiohttps://managementcue.it
Studente magistrale di ingegneria gestionale con laurea triennale in ingegneria meccanica. Appassionato di project management, con forte interesse verso i temi legati alla sostenibilità - sociale, ambientale ed economica- e verso le nuove tecnologie. Amante di musica ed enogastronomia, vorace lettore (e adesso anche autore).