Home » Ridurre i costi aziendali utilizzando cartucce compatibili

Ridurre i costi aziendali utilizzando cartucce compatibili

Una valida soluzione per ridurre i costi consiste nell’impiego di toner e cartucce compatibili piuttosto che di prodotti originali

Categorie Business
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Riuscire a ridurre i costi aziendali, si sa, è molto importante, tuttavia non tutti gli imprenditori sanno rivelarsi efficaci in questo. Eppure molto spesso le spese apparentemente meno rilevanti sono quelle su cui ci si dovrebbe concentrare.

I costi di un’impresa

Quando si parla di “costi” si tende subito a pensare alle voci che pesano maggiormente sul bilancio, come ad esempio le uscite destinate a dipendenti e collaboratori, ma anche le spese apparentemente meno rilevanti andrebbero gestite con maggiore attenzione. Si può anzi affermare che le spese apparentemente secondarie sono proprio quelle su cui ci si dovrebbe concentrare di più, e il perché è presto detto: se risparmiare sul personale e su voci altrettanto importanti significa giocoforza rendere più complessi i processi aziendali, altre spese potrebbero essere ridotte senza che l’efficienza e la qualità dei prodotti o dei servizi offerti ne risenta minimamente.

Un ottimo esempio, in tal senso, riguarda i consumabili per stampanti: le stampanti sono delle periferiche estremamente diffuse nei contesti aziendali, per questo motivo ridurre questi costi potrebbe essere assai utile. Alcune aziende, peraltro, sono solite effettuare una grande quantità di stampe nella loro operatività quotidiana, di conseguenza delle azioni di risparmio mirate potrebbero rivelarsi ancor più fruttuose.

Risparmiare scegliendo toner e cartucce compatibili

La soluzione per ridurre tali costi corrisponde all’impiego di cartucce e toner di tipo compatibile, piuttosto che di prodotti originali. Ma di cosa si tratta esattamente? Tutti i brand produttori di stampanti propongono in commercio i relativi consumabili, quindi cartucce e toner contenenti inchiostro da utilizzare in tali dispositivi. A differenza di altri prodotti, cartucce e toner non hanno caratteristiche standard, variano da brand a brand, di conseguenza in una stampante Canon sarà impossibile, ad esempio, immaginare di poter utilizzare delle cartucce HP.

Nonostante ciò, nulla vieta ad ulteriori aziende di produrre delle cartucce che pur non essendo originali siano utilizzabili nelle periferiche di altri marchi, a condizione ovviamente che non siano presentate come cartucce originali e che il consumatore sia adeguatamente informato. Sono proprio queste le cartucce compatibili, delle cartucce che non essendo originali hanno un costo molto più basso, è infatti questa la principale ragione per cui vengono scelte, ma che sanno comunque garantire un risultato molto apprezzabile.

Cartucce compatibili

Come si possono acquistare prodotti di questo tipo?

Il mercato delle cartucce compatibili è cresciuto in maniera davvero esponenziale negli ultimi anni: sia le aziende che i privati riservano sempre maggiore attenzione a questo tipo di prodotti preferendoli a quelli originali, rivelandosi assolutamente soddisfatte anche dal punto di vista qualitativo.

Procurarsi delle cartucce compatibili è davvero molto semplice, in rete infatti si possono trovare tanti e-commerce specializzati, come TuttoCartucce, che dedicano intere sezioni a questo tipo di inchiostro per stampanti. Non bisogna fare altro che individuare la tipologia di stampante di interesse e ricercare le relative cartucce compatibili; è tutto molto agevole, dunque, e si tratta di un ordine che si può eseguire online con la stessa semplicità con cui si possono acquistare cartucce e toner di tipo originale.

Quanto si può risparmiare utilizzando cartucce compatibili?

Se ci si chiede quanto si possa risparmiare scegliendo questi prodotti, non esiste una risposta univoca: molto dipende dal tipo di marca a cui si fa riferimento, tuttavia il costo dei consumabili compatibili è inferiore di quello di quelli originali di almeno il 50%. Il risparmio effettivo, ovviamente, dipende anche dall’uso che si compie delle stampanti: le aziende che sono solite effettuare stampe in grandi quantità sapranno senz’altro garantirsi, nel corso di un anno di esercizio, un risparmio particolarmente accentuato.

Lascia un commento