SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

Shared Mobility e Covid19: il valore della condivisione

La condivisione di dati e asset rappresenta la principale fonte di valore del modello di business Share Mobility. Cosa cambierà dopo il Covid19?

Il concetto di Piattaforma non è nuovo. Pensate ai vecchi mercati antichi o agli enormi centri commerciali o anche ai centri espositivi. Le imprese, in passato, hanno utilizzato per lo più un approccio “vis a vis” per consentire condivisione e facilitare gli scambi di valore. Oggi, le piattaforme sono sempre più supportate da tecnologie digitali che facilitano la partecipazione e la condivisione, al loro interno, tra numerosi utenti. Il valore duale è il punto chiave delle piattaforme digitali. Attraverso la condivisione di numerosi dati, la piattaforma crea valore aggiunto sia per gli utenti stessi che per i fornitori del servizio. Il dato assume quindi un ruolo di input che attraverso un elaborazione digitale, produce un prodotto (output) di valore per il consumatore finale (utente) e per il fornitore (provider).

Che cos’ è un modello di condivisione basato sulle piattaforme?

Per “Platform Business” intendiamo un modello di business che si focalizza a facilitare le interazioni, sociali ed economiche, di un grosso numero di utenti o partecipanti.

Solitamente, la piattaforma è un modello di proprietà di una singola azienda che considera le reti come parte del contenuto del proprio modello di business. Il valore è quindi generato attraverso i cosiddetti principi di “network externalities “, attraverso cui, all’aumentare dei partecipanti, vi è un incremento, non sempre proporzionale, del valore della piattaforma.

Network Externalities
Fonte: wikipedia

Apparentemente, c’è un’accettazione dell’idea che il settore noto per la produzione di automobili sia in un processo di spostamento morfologico verso la mobilità intesa come servizio.

Si pensa che questo cambiamento abbia il potenziale per ridefinire il rapporto tra i costruttori di veicoli ed i loro clienti e quindi il futuro dell’automotive in generale. Queste nuove possibilità di mobilità personale possono assumere tre forme distinte di “auto-mobility-as-a-service” (AaaS):

  1. Peer – to – peer Car Sharing (P2P): si tratta di un metodo di condivisione delle auto messe a disposizione, per il quale di solito è richiesta l’iscrizione alla piattaforma. Il P2P offre veicoli, che appartengono ad individui privati, ad una specifica comunità di utenti. Solitamente la macchina deve essere restituita nella medesima area di inizio.
  2. Free – Floating Car Sharing: consente ai clienti di ritirare e riconsegnare il veicolo in qualsiasi luogo all’interno di un’area delimitata. Le auto libere sono utilizzate principalmente per brevi viaggi di sola andata (per lo shopping o per il tempo libero).
  3. Car Sharing Stazionario o RoundTrip: il car sharing stazionario ha stazioni fisse e (di solito) fornisce solo viaggi di andata e ritorno con gli stessi punti di inizio e fine. Il caso d’uso è quindi più adatto per viaggi più lunghi ed è probabile che sostituisca le auto a noleggio o la proprietà dell’auto.

Che impatto ha il Covid19 sul modello della Shared Mobility?

L’attuale crisi della shared mobility (nelle diverse accezione, di car sharing, car pooling, ride sharing, ecc.) va imputata soprattutto alla riduzione della domanda di mobilità. Se questo è stato vero durante il lockdown, nella fase di ripresa c’è il timore che la shared mobility possa essere meno sicura. La diminuzione della domanda di servizi della shared economy potrebbe perdurare anche nei prossimi mesi. Secondo un’indagine condotta da Ipsos, un quarto degli utenti dell’economia della condivisione prevede di utilizzare questi servizi meno di prima.

  • Il 40% degli americani dichiara di utilizzare servizi come il ride sharing. Più della metà (54%) li utilizza attualmente meno di quanto farebbe normalmente.
  • Tra questi utenti, il 26% prevede di utilizzarli meno di quanto non facesse prima dell’epidemia di coronavirus, rispetto al 19% che prevede di utilizzarli di più. La metà (49%) non prevede un cambiamento nel loro utilizzo.
  • Uomini e donne si differenziano per i loro piani di condivisione dei servizi dell’economia. Gli uomini sono più propensi ad utilizzare questi servizi di quanto non lo fossero prima della pandemia COVID-19.

A Roma l’uso del car sharing si è ridotto del 90% con l’emergenza coronavirus. Gli operatori per mantenere attivo il servizio devono sostenere ingenti costi variabili di manutenzione e sanificazione della flotta. Inoltre, i costi immobilizzati delle auto non utilizzate dagli utenti rappresentano una forte minaccia per gli operatori del servizio di CarSharing.

CarSharing - Enjoy
Fonte: Ilsole24ore

La mobilità condivisa deve reinventarsi

La mobilità condivisa deve reinventarsi in qualche modo per adattarsi alle prossime sfide derivanti da COVID-19. Gli operatori, gli sviluppatori di software, i produttori di veicoli e i servizi pubblici dovranno essere tutti creativi per trovare il modo di affrontare una vasta gamma di problemi sociali, tecnici e commerciali creati o esacerbati dalla pandemia.

  1. Sicurezza e igiene: L’igiene è forse la barriera psicologica più significativa per l’utilizzo della mobilità condivisa in quest’era di COVID-19. Nella prossima battaglia per riconquistare quote di mercato, quegli operatori che riusciranno a convincere gli utenti che i loro veicoli sono i più sicuri avranno un vantaggio significativo su coloro che potrebbero non avere le risorse per farlo.
  2. Marketing Mix: Gli operatori della mobilità condivisa dovrebbero adattare il loro marketing e la loro comunicazione per riflettere le circostanze molto specifiche portate da COVID-19. Gli operatori dovranno trovare il marketing mix giusto per attirare nuovi utenti che temono maggiormente il rischio di infezione sui mezzi di trasporto pubblico (autobus, metropolitane, tram, ecc.). Questi potenziali utenti saranno probabilmente più ricettivi ad argomenti di affidabilità e sicurezza nel considerare scooter, biciclette o automobili condivisi come opzioni per i loro spostamenti. Tuttavia, gli operatori non devono rinunciare completamente ai loro valori fondamentali; devono trovare il modo di comunicare il piacere della libertà di movimento in modo che si senta ancora adeguato e consapevole dei tempi attuali.
  3. Strategia: I servizi di mobilità condivisa serviranno, almeno per il momento, esclusivamente alla popolazione locale. Si tratta di un importante cambiamento di paradigma per alcuni operatori che dipendevano fortemente dai ricavi generati dai turisti. A Parigi, ad esempio, i turisti rappresentano il 40% di tutte le corse in scooter, e questo numero aumenta fino al 70% nei mesi di luglio e agosto. I vantaggi o le offerte per i soci erano spesso precedentemente limitati a crediti prepagati più economici o rinunciato alle spese di sblocco. Ma probabilmente ora vedremo offerte di abbonamenti mensili per mantenere un basso costo per corsa per tutti i nuovi utenti abituali.

Operations: la condivisione vince sulla competizione?

Pre-COVID19, gli operatori della mobilità condivisa hanno lavorato principalmente nel loro interesse, gareggiando per ottenere quote di mercato; tuttavia, la crisi servirà probabilmente da catalizzatore per la trasformazione in corso del mercato, passando da partnership completamente private a partnership pubblico-private. Gli operatori potranno iniziare a lavorare fianco a fianco tra di loro attraverso collaborazioni garantite con le città usando processi di RFP. In Spagna, 17 operatori si sono uniti per creare Smart Mobility, un’organizzazione che lavora per garantire elevati standard socio-ambientali e facilita la collaborazione locale degli operatori di mobilità condivisa in tutto il paese.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Andrea Filippinihttps://managementcue.it
Studente di Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Milano. Specializzando in sistemi di produzione avanzata con particolare attenzione alla produzione FMS (Flexible Manufacturing Systems). Ho sempre avuto forte interesse per la cultura aziendale ponendo l'attenzione sull'ottimizzazione della produzione a la riconfigurazione di processo all'interno della filiera manifatturiera. Lavoro con il team di ManagementCue per produrre articoli formativi e con una visione critica sugli aspetti di gestione e strategia aziendale.