SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AZIONI

CALENDARI

CRYPTO

Bulgari: nuovi investimenti a Roma

L'annuncio di Bulgari fa sognare Roma, il nuovo investimento che vede la creazione di un Hotel di gran lusso mette la capitale in primo piano.

La società fondata nel 1884 a Roma, ha da poco annunciato in modo ufficiale il progetto per la creazione di un nuovo hotel nella città storica dal nome: Bulgari Hotel Roma.

Bulgari Hotel

Valorizzare le bellezze Italiane, questo, l’intento dell’amministratore delegato di Bulgari: Jean-Christophe Babin, che con un maxi-investimento ha reso possibile la progettazione di un nuovo hotel di lusso a Largo Augusto Imperatore, zona molto gettonata grazie anche all’iconica Piazza di Spagna. Il palazzo su cui sorgerà la nuova attrazione Romana, fonda le radici nel 1936 su progetto dell’architetto Vittorio Ballio, stile razionalista e colori tipicamente Romani come marco Travertino e mattoni rosso bruciato, ed esaltazione del legame con la visione dell’Imperatore Augusto: queste, le principali caratteristiche del palazzo. Ad aumentare il valore dell’operato, c’è una donazione di 120 mila euro fatta direttamente da Bulgari per riqualificare l’Ara Pacis su cui si affaccia il palazzo.

Panorama dal Bulgari Hotel Roma
In foto: una delle viste dal Bulgari Hotel Roma

L’apertura, dovrebbe essere per il 2022 considerando ovviamente tutti i lavori da svolgere. La straordinarietà dell’operato però non risiede nei tempi brevi di realizzazione, bensì nel patrimonio artistico e culturale su cui sorgerà. Il palazzo che verrà trasformato nel nuovo Bulgari Hotel, è infatti proprietà di Edizione Property, che possiede oggi un patrimonio di immobili che va dal Fondaco dei Tedeschi a Venezia a l’immobile di Champs-Élysées a Parigi.

Notevole, anche la partership con Antonio Citterio – Patricia Viel, che affermano: “La straordinaria sinergia tra il progetto di rigenerazione per la Piazza Augusto Imperatore e il recupero di questo edificio del trentennio riverbera la potente alchimia che lega Bulgari e Roma. Lavoriamo da dieci anni ai progetti Bulgari che hanno la vocazione di disseminare nel mondo la straordinaria aura di questo binomio.”

Qualche numero

Il Bulgari Hotel Roma comprenderà tra le altre cose:

  • 114 stanze di cui la maggior parte suite da 400 mq.
  • Un’intera area riservata per una biblioteca, arricchita da volumi sulla gioielleria e accessibile anche a chi non soggiorna nell’hotel.
  • Il famoso “Il Ristorante Niko Romito” e il “Bulgari Bar” con posizione strategica (ultimo piano) in modo da garantire visuali mozzafiato.
  • Spa da 1000 mp, piscine da 20 metri e palestre super attrezzate.
  • Ad arricchire la bellezza del palazzo, 70 mq di mosaico di Ferruccio Ferrazzi, posizionati nella parte sud dello stabilimento.
  • Un totale di circa 350 dipendenti.

Bulgari nel mondo

L’apertura di un Hotel a Roma è forse la notizia più importante per l’azienda Bulgari, poiché fonda le radici proprio nella capitale. Ma il portafoglio di proprietà possedute è vastissimo: Milano, Londra, Dubai, Beijing, Bali e Shanghai e in aggiunta tra il 2020 e 2022: Parigi, Tokyo e Mosca. Notevole punto a favore però, è che tutte le strutture sono Leader nel settore. Caratteristica unica nel suo genere, soprattutto per un mercato come quello del gran lusso. Ad accrescere la notorietà del progetto e della maison stessa, la creazione di una collana “Ospitalità Italiana” in oro bianco per celebrare il nuovo investimento. Un pezzo unico per rappresentare Roma e la bellezza dell’intera città.

“Ringrazio Bulgari per il rinnovato impegno con cui segue la valorizzazione dei beni culturali della nostra città. Roma riparte con maggiore slancio: lavoriamo per renderla più bella e accessibile a tutti. Un importante investimento privato che porterà molti posti di lavoro”. Ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Management

Di certo, dietro tutte le decisioni prese dal marchio Bulgari, c’è un management di tutto rispetto. Un gruppo solido e di notevole esperienza capace di investire anche dove il rischio è maggiore e in periodi non particolarmente favorevoli. Il segno del passaggio di storia, dal vecchio al nuovo pensiero avviene nel 2001: quando Bulgari crea un’azienda comune con la divisione Lusso di Marriott International per lanciare un nuovo marchio di hotel di lusso. Infine, nel 2011 LVMH annuncia di aver acquisito il 51% del capitale del gruppo Bulgari, quota, che sale infine al 98,09% nel settembre dello stesso anno. LVMH, proprietario infine di 3,7 miliardi di euro in totale, aumenta gli investimenti pubblicitari e crea un centro di acquisti per tutti i marchi di gioielleria del gruppo. Nel 2012 Bulgari annovera 180 punti vendita di proprietà nel mondo oltre a riacquistare i diritti di utilizzo del marchio che erano stati ceduti ai franchisee.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Carmelo Giofrèhttps://managementcue.it/
Sono uno studente di ingegneria gestionale presso l’Università della Calabria, appassionato di tutto ciò che riguarda l’innovazione, il management e il mondo dei motori.