Home » Bezos si dimette da CEO Amazon: l’ultima lettera agli azionisti

Bezos si dimette da CEO Amazon: l’ultima lettera agli azionisti

Il 5 luglio 2021 Bezos lascierà ufficialmente il ruolo di CEO Amazon.com: ecco l'ultima lettera che ha rivolto agli azionisti

Categorie Business · Cultura e Gestione d'Impresa

Jeff Bezos non sarà più il CEO di Amazon a partire dal prossimo 5 luglio: a prenderne il posto sarà il numero uno dell’area cloud computing, Andy Jassy (lo stesso Jassy è stato parte del gruppo che fondò AWS nel 2003). La notizia arriva direttamente dallo stesso Bezos, il quale l’aveva già comunicato nel corso della lettera agli azionisti 2020 -senza tuttavia, all’epoca, specificare la data della dipartita-. Tale giorno non è casuale, il taycoon americano ha infatti annunciato ai media d’oltreoceano che:

“Abbiamo scelto il 5 luglio perché è importante per me, è il giorno in cui Amazon è stata fondata nel 1994, esattamente 27 anni fa”.

Jeff Bezos, Fondatore Amazon.com, Inc


Tra poco più di un mese, dunque, Bezos diventerà “solamente” presidente esecutivo del consiglio di amministrazione di Amazon e potrà dedicare più tempo a nuovi prodotti e alle altre sue attività, i.e. la società aerospaziale Blue Origin.

Jeff Bezos and Andy Jassy
Andy Jassy and Jeff Bezos

L’ultima lettera di Bezos agli azionisti

Volgendo un occhio al passato, ecco alcuni estratti dell’ultima lettera che il patron di Amazon ha scritto agli azionisti il 15 Aprile 2021:

“Nella lettera agli azionisti di Amazon del 1997…ho parlato della nostra speranza di creare un “franchising duraturo”, sbloccando il potere di Internet: Amazon era passata da 158 dipendenti a 614 e avevamo superato 1,5 milioni di account cliente. Eravamo appena diventati pubblici a un prezzo delle azioni di $ 1,50 per azione… Da allora abbiamo fatto molta strada: l’anno scorso abbiamo assunto 500.000 dipendenti e ora impieghiamo direttamente 1,3 milioni di persone in tutto il mondo. Abbiamo più di 200 milioni di membri Prime in tutto il mondo. Più di 1,9 milioni di piccole e medie imprese vendono nel nostro negozio e rappresentano quasi il 60% delle nostre vendite al dettaglio. I clienti hanno collegato più di 100 milioni di dispositivi per la casa intelligente ad Alexa. Amazon Web Services serve milioni di clienti. Nel 1997 non avevamo inventato Prime, Marketplace, Alexa o AWS. Non erano nemmeno idee allora, e nessuna era pre-ordinata. Abbiamo preso un grande rischio con ognuno di loro e abbiamo messo sudore e ingegnosità in ognuno di essi…Se vuoi avere successo negli affari (nella vita, in realtà), devi creare più di quanto consumi. Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di creare valore per tutti coloro con cui interagisci. Qualsiasi attività che non crea valore per coloro che tocca, anche se in superficie sembra avere successo, non è duratura per questo mondo. È in uscita. Ricorda che i prezzi delle azioni non riguardano il passato. Sono una previsione dei flussi di cassa futuri attualizzati. Il mercato azionario anticipa….Abbiamo sempre voluto essere l’azienda più incentrata sul cliente al mondo. Non lo cambieremo. È quello che ci ha portati qui. Ma ci sto impegnando per un’aggiunta. Diventeremo il miglior datore di lavoro della Terra e il luogo di lavoro più sicuro della Terra. Nel mio prossimo ruolo di presidente esecutivo, mi concentrerò su nuove iniziative. Sono un inventore. È ciò che mi piace di più e ciò che so fare meglio. È dove creo il massimo valore. Sono entusiasta di lavorare a fianco del grande team di persone appassionate che abbiamo in Ops e di aiutare a inventare in questa arena del miglior datore di lavoro della Terra e del luogo di lavoro più sicuro della Terra…”

Un consiglio finale

Infine, uno spunto prima che scorrano i titoli di coda:

Questa è la mia ultima lettera annuale agli azionisti come CEO di Amazon e ho un’ultima cosa della massima importanza che mi sento in dovere di insegnare. Spero che tutti gli “amazzonici” lo prendano a cuore.

Ecco un passaggio dal libro (straordinario) di Richard Dawkins The Blind Watchmaker. Si tratta di un tomo fondamentale della biologia.

“Respingere la morte è una cosa su cui devi lavorare. Abbandonato a sè stesso – ed è ciò che accade quando muore – il corpo tende a ritornare in uno stato di equilibrio con il suo ambiente. Se si misura una certa quantità come la temperatura, l’acidità, il contenuto di acqua o il potenziale elettrico in un corpo vivente, si scoprirà tipicamente che è notevolmente diversa dalla misura corrispondente nell’ambiente circostante. I nostri corpi, ad esempio, sono solitamente più caldi di ciò che ci circonda e nei climi freddi devono lavorare sodo per mantenere il differenziale. Quando moriamo il lavoro si ferma, la differenza di temperatura inizia a scomparire e alla fine ritroviamo la stessa temperatura dell’ambiente circostante. Non tutti gli animali lavorano così duramente per evitare di raggiungere l’equilibrio con la temperatura circostante, ma tutti gli animali svolgono un lavoro comparabile. Per esempio, in un paese arido, animali e piante lavorano per mantenere il contenuto fluido delle loro cellule, lavorano contro la naturale tendenza dell’acqua a fluire da loro nel mondo esterno secco. Se falliscono, muoiono. Più in generale, se gli esseri viventi non lavorassero attivamente per impedirlo, alla fine si fonderebbero con l’ambiente circostante e cesserebbero di esistere come esseri autonomi. Questo è quello che succede quando muoiono”.

Voglio ringraziare in particolare Andy Jassy per aver accettato di assumere il ruolo di CEO. È un lavoro duro con molte responsabilità. Andy è brillante e ha i più alti standard. Ti garantisco che Andy non lascerà che l’universo ci renda “tipici”. Raccoglierà l’energia necessaria per mantenere vivo in noi ciò che ci rende speciali. Non sarà facile, ma è fondamentale. Prevedo anche che sarà soddisfacente e spesso divertente. Grazie, Andy.

A tutti voi: siate gentili, siate originali, create più di quanto consumate e mai, mai, mai lasciate che l’universo vi muti in ciò che vi circonda. Rimane il giorno 1.

Cordiali saluti,

Jeffrey P. Bezos
Fondatore e Amministratore delegato
Amazon.com, Inc.”

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento