La costruzione di altre quattro navi del segmento extra lusso è stata assegnata a Fincantieri da parte del colosso delle crociere MSC, portando così il totale a otto per un valore di oltre due miliardi. Le consegne di queste vere e proprie città galleggianti, con una stazza di circa 169000 tonnellate e oltre 300 metri di lunghezza, inizieranno nella primavera del 2023 e proseguiranno nei successivi tre anni.

Arriva così a dodici navi entro il 2026 il piano di investimenti messo in atto da MSC, per un valore complessivo di 10,5 miliardi, e già tre sono state consegnate Giugno 2017 ad oggi. Saranno tutte caratterizzate da un design altamente innovativo e dalle più avanzate tecnologie per la tutela dell’ambiente, oltre che da sistemi marittimi all’avanguardia e da un elevatissimo livello di servizio per gli ospiti che andrà a rivoluzionare i canoni del lusso.

Anni d’oro per Fincantieri

Fincantieri themeditelegraph.com

Il numero di navi da crociera in portafoglio Fincantieri sale così a 53, confermando la leadership assoluta nel mercato, così come sottolineato dall’amministratore delegato Giuseppe Bovo. Una nave da crociera su tre viene costruita dai cantieri italiani, e la crescita sembra continua. Ad oggi sono venti i cantieri tra Europa, Americhe e Asia con il 60% dei dipendenti all’estero.

Attualmente sono impiegati in Fincantieri 19400 lavoratori e nel giro di pochi anni questo numero potrebbe crescere notevolmente. I ricavi dell’azienda sono di circa 4,5 miliardi e sembrano destinati ad aumentare.

Una vera e proprio eccellenza, che oggi, sbarca nel segmento extra lusso grazie all’accordo con la più grande e solida compagnia di navigazione privata italiana e il risultato non potrà che essere straordinario.

Il gruppo è quotato alla borsa di Milano, ed è uno dei più grandi gruppi cantieristici al mondo. È leader assoluto nella costruzione di navi da crociera, ed è l’unico capace di realizzare tutte le tipologie di mezzi navali. Le varie società controllate, invece, spaziano tra i più diversi settori: dalla logistica all’oil e gas, fino alle infrastrutture: sarebbe infatti probabile una partecipazione ai lavori per la ricostruzione del ponte Morandi di Genova.

L’integrazione di diverse competenze e la flessibilità che ne deriva sono dunque uno dei punti di forza dell’azienda, che fa dell’innovazione e della continua crescita tecnologica un punto fermo della propria vision: the sea ahead.

Opportunità di lavoro

Fincantieri fim-cisl.it

L’occhio è sempre rivolto verso i giovani, sono infatti spesso presenti varie proposte di lavoro sia per neolaureati che per brillanti studenti universitari. Il processo di inserimento passa quasi sempre attraverso una fase di stage in affiancamento con un tutor aziendale che va ad accompagnare i tirocinanti nello sviluppo delle loro competenze e della loro crescita professionale. Sono previste inoltre varie fasi di verifica dell’apprendimento e della acquisizione delle competenze messe a disposizione dall’azienda.

Tra le proposte anche posizioni professional, rivolte a professionisti altamente qualificati, motivati e focalizzati sull’obiettivo.

Si rimanda al link per saperne di più: https://www.fincantieri.com/it/lavora-con-noi/chi-cerchiamo/

A cura di Raffaele Di Nardo